Parks of Rome

[Under constructions – images coming]

“I went to the woods because I wanted to live deliberately, I wanted to live deep and suck out all the marrow of life, To put to rout all that was not life and not when I had come to die Discover that I had not lived.” (Henry David Thoreau)

Rome is the city with more green areas in Europe. Although, the city seems detached from the ecological and environmental attitude of a modern and advanced city.

These shoots, where human figures – so small – are overwhelmingly surrounded by nature, suggest a new way of experiencing the urban space, far away from the stress of modern daily life and closer to nature, advocating a peaceful co-existence between these two poles often seen as antithetical.

My photographs capture the visual form of this dream with the hope to arouse in the viewer the same desire for change.
Only then, I believe, we can look at the same thing with new eyes, and appreciate them in a deeper way, recognizing the immense environmental heritage of Rome – one of the most beautiful cities in the world.

When I moved to Rome, I was deeply fascinated by its parks. They are charming and mysterious in some ways. To me they were oases in the stress of Rome busy daily life.
Caffarella, Parco degli Acquedotti, Villa Ada, Villa Borghese, Villa Doria Pamphilj, are the parks here pictured.

—–

“Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire in punto di morte che non ero vissuto.” (Henry David Thoreau)

Roma è la città più verde d’Europa. Eppure, a dispetto di questo, sembra spesso una metropoli staccata dalla sua dimensione ambientale ed ecologica.

Gli scatti qui proposti, in cui le figure umane, così piccole, sono immerse da una natura imperante, suggeriscono un nuovo modo di vivere lo spazio urbano, più lontano dagli stressanti artifici dell’era moderna e più vicino alla natura e al verde, per un’integrazione e una pacifica convivenza fra questi due poli spesso visti come antitetici.

Si tratta di un cambiamento auspicato e desiderato. Le mie visioni non vogliono essere nient’altro che la forma visuale di tale sogno con la speranza di suscitare in chi guarda la medesima voglia di cambiamento. Solo così potremo guardare con occhi nuovi le stesse cose, e vivere appieno l’immenso patrimonio naturale che Roma – una delle città più belle del mondo – dispone.

Sin dagli esordi del mio trasferimento a Roma, sono stato sempre affascinato dalle aree verdi dell’Urbe. I vari parchi e ville hanno sempre qualcosa di affascinante e misterioso. Per me rappresentano un’oasi nel mezzo della frenesia e dello stress della Capitale.
Il parco della Caffarella, il Parco degli Acquedotti, Villa Ada, Villa Borghese, Villa Doria Pamphilj, sono solo alcuni dei parchi qui ritratti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on RedditPin on PinterestShare on YummlyDigg thisPrint this pageShare on Google+